Centro di Riabilitazione fisico motoria,
Medicina dello Sport, Medical Fitness

Stefano Manneschi e quei due mesi insieme a Paolo Rossi

Il nostro Presidente Stefano Manneschi ha lavorato negli anni anche con tantissimi calciatori.

E nella calda estate del 1986, quella del beffardo Mondiale in Messico, a quattro anni dai trionfi leggendari di Spagna ’82, lavorò per due mesi con Paolo Rossi per cercare di prolungare la sua carriera calcistica. Che andò avanti ancora per due anni, fra Milan ed Hellas Verona.

Così oggi, in un momento così triste per tutta l’Italia, che piange uno sportivo che ha unito l’intero Paese da nord a sud, la memoria va a quei giorni. A quelle ore passate insieme a colui che, quattro anni prima, ci aveva portato sul tetto del mondo in una torrida e magica estate.

“Aveva 30 anni – racconta Manneschi – L’intervento che subì ad entrambe le ginocchia portò a una infezione chirurgica, nonostante tutte le attenzioni del caso. Lui voleva in tutti i modi riprendere a giocare – prosegue – A distanza di anni, se ripenso al fatto che ha giocato dopo l’asportazione di tre menischi su quattro, con interventi effettuati in modo tradizionale, ovvero con l’apertura del ginocchio, devo dire che ha fatto il massimo possibile”.

Ma come mai venne a Firenze? “Seppe che avevamo una macchina isocinetica per il recupero muscolare – risponde Manneschi – e venne a luglio, agosto e una parte di settembre. Si era operato al rientro dal Messico, dopo la sfortunata spedizione del 1986”.

“Stette con me e con Benedetto – ricorda Manneschi – il mio collega che lavora ancora oggi al mio fianco. Lo abbiamo frequentato per ore, ogni giorno, ed è nato un bel rapporto”.

“Si parlava di tutto – continua – non solo di pallone. Per un rapporto che è continuato anche in seguito, avendo preso lui una fattoria in Valdarno. Io, che sono di San Giovanni, l’ho incontrato altre volte. Ed era sempre un piacere”.

“Il Mundial di Spagna ’82? Certo che ne parlammo – risponde Manneschi – Lo raccontava come il momento sportivo più esaltante della sua vita, a maggior ragione dopo i due anni di squalifica che aveva subito. Ma, diceva, bisogna sempre rialzarsi e combattere: lo dimostrava e lo ha dimostrato in più di una occasione”. 

“Di lui – dice Manneschi, in assonanza con il ricordo di tantissimi – mi hanno colpito la semplicità, l’umiltà, il sorriso, la voglia di mettersi in gioco, l’amicizia.

“Era ed è un personaggio nel cuore di tutti – conclude – E’ stato un privilegio averlo curato e conosciuto nel profondo, in quelle ore passate insieme”.

 

Intervista ed articolo a cura di Matteo Pucci, Il Gazzettino del Chianti e SportChianti

 

 

News

Come scegliere lo sport più adatto?

19-01-2021

Quali sono gli sport consigliati per rafforzare articolazioni e muscolatura e quali quelli meno indicati?   Innanzitutto...

ATTIVITA’ FISICA REGOLARE E POSTURA CORR…

08-01-2021

Moltissimi studi scientifici condotti su milioni di persone hanno dimostrato come praticare regolarmente attività fisica...

Buone Feste!

24-12-2020

TANTI AUGURI DA TUTTI NOI!   Saremo aperti per le festività con tutti i nostri servizi (orari...

Continuando a consultare questo sito, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie. info